Project Description

Laura Santucci

LE OPERE

Rinascita

Q5

Rosalba De Mucci
Rosalba De Mucci
BIOGRAFIA
Nasce a Messina nel 1942. Pittrice, grafica, disegnatrice di vetri di Murano e scrittice, ha studiato presso il Liceo Artistico di Venezia sotto la guida di Gastone Breddo e Guido Cadorin. Ha insegnato disegno e storia dei costumi dal 1960 iniziando con la C.I.M.S, di Mestre – Venezia. Dal 1970 ad oggi è stato un susseguirsi di mostre e premi. Ha partecipato a importanti rassegne in Italia, Francia (Parigi Pal. Unesco), Spagna, USA (Los Angeles), ecc. È presente nei maggiori cataloghi d’arte italiani (Comanducci, Bolaffi, Quadrato, e altri). I suoi soggetti rappresentano figure e tematiche sociali, immagini della alienazione e della ritualità delle masse, maschere evocanti stati d’animo, paesaggi, gente al lavoro, scene di vita, cavalli.

CONCEPT

Testimonianza Livio Rosai
Conosco bene Rosalba De Mucci e la sua pittura. Rosalba è una pittrice professionista e ha dipinto e venduto in oltre 50 anni di attività almeno 2500 quadri. In tutto quest’arco di tempo è stata sempre fedele al modo di dipingere degli esordi. Anche se si è misurata con tutti i tipi di supporti e tipologie di colori predilige l’uso dell’olio su tela. È una dei pochi pittori che fa uso di tele a sfondo nero, qualche volta disponibili in commercio ma più spesso con il fondo preparato da lei stessa prima di iniziare il dipinto vero e proprio. Le zone non coperte dal colore rimangono quindi nere, invece che bianche. Questo conferisce al dipinto un’aura speciale che esalta la sensazione di atmosfere e personaggi “sospesi nel tempo” in cui ciò che l’artista è assimilabile a una sorta di “neo-espressionismo”. I personaggi di Rosalba appaiono statici, cristallizzati in un’azione, quasi sorpresi in un gesto, in Testimonianza Livio Rosai4 una postura che mettono a nudo la loro condizione interiore. Ciascuno di essi appare molto isolato, avulso da quanto gli accade intorno, non comunicante con gli altri personaggi del dipinto, quasi Rosalba avesse interiorizzato la lezione Hopperiana. Spesso le figure umane hanno occhi lasciati scuri, senza pupilla: Rosalba non intende a dipingere una persona ma un personaggio. una postura che mettono a nudo la loro condizione interiore. Ciascuno di essi appare molto isolato, avulso da quanto gli accade intorno, non comunicante con gli altri personaggi del dipinto, quasi Rosalba avesse interiorizzato la lezione Hopperiana. Spesso le figure umane hanno occhi lasciati scuri, senza pupilla: Rosalba non intende a dipingere una persona ma un personaggio.