Cesare Gennari

//Cesare Gennari

Cesare Gennari

Cesare Gennari   1637-1688

Figlio di Ercole e di Lucia Barbieri, sorella di Giovan Francesco, detto il Guercino, nacque a Cento, dove fu battezzato il 12 dic. 1637.

Crebbe nella dimora bolognese dove le famiglie Barbieri e Gennari, lasciata Cento, si erano sistemate fra il 1643 e 1644. Ebbe così modo, insieme con il fratello maggiore Benedetto, di crescere accanto allo zio Guercino, di cui divenne l’interprete più profondo e appassionato. Come tutti i componenti della bottega, trasse copie da dipinti del maestro: è nota quella del S. Rocco, eseguita insieme con il fratello, il cui originale è andato perduto (1668: Ferrara, Pinacoteca nazionale, dalla chiesa di S. Rocco).

All’età giovanile sembra risalire la collaborazione col fratello nella stesura della Madonna del Rosario (Forlì, Pinacoteca civica). Nelle opere del decennio seguente, tutte rigorosamente guercinesche, tanto da essere spesso riferite al maestro, il suo tocco diviene via via più sensuoso e caloroso. Sono di questo tempo: La Pace e la Carità(1661: Roma, Galleria nazionale d’arte antica, da Corte di Novellara; Bagni, 1986, p. 295); la Maddalena nel deserto (1662: Cento, Pinacoteca civica, dalla chiesa di S. Maria Maddalena); la S. Maria Maddalena de’ Pazzi con i ss. Alberto e Andrea Corsini (1663: Bologna, S. Martino Maggiore).

Morì a Bologna il 12 febbr. 1688. Gli furono tributati solennissimi funerali, di cui ci è giunta ampia testimonianza.

———————-

Cm  60 x 70

Categoria: Tag:

Descrizione